Frutti rossi: alleati preziosi per la linea e la salute
Immagine copertina del consiglio 'Frutti rossi: alleati preziosi per la linea e la salute'

La primavera è una festa della natura e a tavola ci regala i frutti nuovi maturati da marzo a giugno. Questi frutti sono ricchi di vitamine, di composti antiossidanti e di molecole antinfiammatorie.

Del rosso delle fragole hanno merito i pigmenti chiamati antocianine, che colorano di sfumature dal magenta al blu anche ciliegie, lamponi, ribes e mirtilli, gli altri frutti di questi mesi. Sono polifenoli, sostanze che il mondo vegetale possiede in esclusiva e che si schiudono nel nostro corpo con benefici innumerevoli. Test in laboratorio mostrano una correlazione con una molecola particolare, Ampk, considerata il controllore dello stato energetico della cellula. Questa molecola sembra attivare una classe di enzimi, le sirtuine, che svolgono una azione protettiva dai processi degenerativi e infiammatori.

E' proprio per questo che i frutti rossi sono abili a spegnere l'infiammazione cronica, che è associata all'invecchiamento a alle malattie che più temiamo, dall'Alzheimer al cancro, dal diabete all'aterosclerosi.

Mette di buon umore pensare che questi miracoli colorati sono indicati nelle diete dimagranti, perché soddisfano la voglia di dolce ma hanno pochissime calorie. Sono ricchi di fibre solubili che si gonfiano nello stomaco, procurando un senso di sazietà e la loro ricchezza di potassio promuove la diuresi. Certo esagerare non si può ma se si tiene valida la porzione di una ventina di ciliegie e un 150g di fragole o frutti di bosco non si corre in rischi di fastidiosi effetti lassativi.

Dottoressa Valentina Cera